Ultime notizie

Annunci

[20 marzo 2019]

TRIM-NET a training network in drug discovery targeting TRIM ubiquitin ligases is recruiting 12 Ph.D. students

Deadline for applications: 15 April 2019.

leggi »»

[19 marzo 2019]

In memoriam

Giovanni Chieffi

Da Giacomo De Leo
Socio Emerito A.I.B.G.

Purtroppo ed inevitabilmente continuano a lasciarci, come ho detto in altri momenti, le "colonne", i Colleghi fondatori dell'AIBG con cui molti di noi hanno condiviso iniziative, interessi a volte battaglie, ma anche molti successi.

Con grande dispiacere adesso si è allontanato anche Giovanni Chieffi, Professore emerito di Biologia generale della Seconda Università di Napoli e nostro Socio emerito.

Uomo d'altri tempi non per motivi anagrafici ma per stile, la cui attività scientifica, accademica e gestionale in genere, per l'epoca in cui è vissuto, è stata proiettata in avanti, con dichiarata modernità; è stato un Collega che, durante la sua personale qualificazione e carriera, oltre a periodi di studio e collaborazione all'estero, ha avuto un percorso che oggi definirei raro, infatti ha condotto insegnamenti per diverse discipline (Genetica, Istologia ed Embriologia, Zoologia, Anatomia comparata ed infine Biologia generale di Medicina) ma svolgendo il suo servizio in più sedi italiane (Roma, Camerino, Napoli) e con diversi ruoli e risultati di prestigio.

Ricordo, soprattutto ai più giovani Colleghi, che la nostra Associazione nasce in un periodo storico di turbolenza organizzativa per l’istituzione università e perché contestualmente erano diffusi i conflitti tra le sedi che producevano dissapori ed ingiustizie sostanzialmente danneggiando la comunità. Era epoca di proposte di trasformazione del sistema università e dei meccanismi di reclutamento ma, per fortuna, tanti erano i ricercatori dell’area della Biologia e della Genetica che vivevano con grande entusiasmo il galoppare delle novità scientifiche e tecnologiche, che erano fermamente convinti della necessità di evitare sia la staticità culturale, sia che i destini delle sedi, e quindi dei ricercatori, fossero già scritti, a priori, e da pochi.

Continua a leggere »»